Escursione a Doi Inthanon: la Thailandia tra trekking e elefanti

Articolo del 06-12-2017
Escursione a Doi Inthanon: la Thailandia tra trekking e elefanti 2

Per vedere un parco cosparso di giungla in Thailandia è meglio andarci in inverno. Stiamo parlando della stagione secca, la sola che può darci garanzie di panorami sgombri dalla nebbia (anche se i temporali ci possono sempre essere). Tra tutti i parchi dell’Indocina uno dei più suggestivi è proprio in Thailandia, a nord, non lontano dal confine con la Birmania. È il Doi Inthanon National Park, il parco voluto dal re intorno al Doi Inthanon, la montagna più alta della Thailandia, un picco che arriva a 2562 metri. A gennaio, da queste parti può fare anche decisamente freddo. Ma le temperature fredde sono una benedizione per una nazione tropicale che ha un clima afoso per 9 mesi l’anno. Non per nulla, ci sono gruppi di thailandesi che vengono al parco proprio per festeggiare il primo giorno degli zero gradi.

Ma è proprio la temperatura più fresca che ci farà apprezzare di più i luoghi.

Salire in trekking sul Doi Inthanon significa immergersi nel verde più vivo. Si passa dai campi coltivati e soprattutto dalle risaie tipiche a terrazzi ad essere avvolti dalla foresta pluviale fatta di alberi di teak e di cespugli altissimi. Quasi tutto il parco è ancora ammantato dalla giungla fino alle cime delle montagne.

Il sito del Doi Inthanon è famoso per i suoi elefanti da viaggio e da lavoro su cui si possono effettuare escursioni guidate. Ma la fauna tipica comprende un po’ tutti gli animali della foresta a partire dall’orso bruno asiatico, i macachi e le centinaia di specie di uccelli che fanno sentire incessantemente i loro canti.

A proposito di natura, verso la cima, si può visitare la Royal Project Research Station, un centro di agricoltura e forestazione sperimentale creato nel 1979 per eliminare la coltivazione dell’oppio, dove si possono ammirare molte specie botaniche della giungla. In quella zona ci sono anche due magnifici stupa, i caratteristici pinnacoli votivi.

Ma il parco è famoso anche per le sue cascate. Le più conosciute sono le cascate Siribhume, Sirithan e soprattutto la Wachirathan, alta 80 metri, magnifiche esuberanze d’acqua che rigano il verde.

Ma il parco non è solo natura, c’è anche la millenaria cultura di queste montagne con i suoi numerosi villaggi abitati da tribù dalle vesti coloratissime.

Insomma, andare al Doi Inthanon significa fare un viaggio in una Thailandia autentica, quella che ci resterà impressa e che, nei ricordi, non confonderemo mai con nessun altro posto.

Per visitare questo magnifico luogo Kibo Tours offre Il Doi Inthanon e la Magia del Nord. Contattateci e pianificheremo insieme la vostra migliore esperienza tra l'autenticità del Paese del Sorriso.

Possiamo aiutarti? Invia una richiesta!

*Campi obbligatori
Informativa sulla privacy